Comune di Poschiavo
  • poschiavo 01
  • poschiavo 02
  • poschiavo 04

Contatti & orari di apertura al pubblico

Da lunedì a venerdì 14:00 - 17:00 | T +41 81 839 03 00 | F +41 81 839 03 62 | info@poschiavo.ch | Via da Clalt 2, 7742 Poschiavo

Delibere
Il Consiglio comunale ha deliberato i seguenti lavori:

  • le opere da carpentiere riguardanti il risanamento del ponte “Mulin d’Ain” alla ditta ZACO Sagl, 7741 San Carlo per l'importo totale netto offerto di CHF 29'986.70 (IVA inclusa).
  • la progettazione delle opere da elettricista per la seconda tappa dei quadri elettrici per il rinnovo IDA alla ditta ARIGroup Sagl, 7745 Li Curt per l'importo totale netto offerto di CHF 179'338.50 (IVA inclusa).
  • le opere da elettricista per l'installazione elettrica sul posto per il rinnovo IDA alla ditta Ari Group Sagl, 7745 Li Curt, per l'importo totale netto offerto di CHF 90'144.90 (IVA inclusa).
  • le opere di sensoria per il rinnovo IDA alla ditta Endress + Hauser Schweiz AG, 4153 Reinach, per l'importo totale netto offerto di CHF 115'415.50 (IVA inclusa).
  • le opere da impresario costruttore, per il prefabbricato delle aule arti tecniche ATT, presso la scuola a Santa Maria, alla ditta C. Capelli SA, 7745 Li Curt per l'importo totale netto offerto di CHF 34'770.30 (IVA inclusa).

Videosorveglianza presso le scuole a S. Maria
Il Consiglio comunale per monitorare meglio gli atti vandalici sempre più frequenti presso le scuole a S. Maria, nello specifico nel manomettere biciclette, motorini, monopattini e altri, oppure imbrattare muri o simili, ha deciso di installare due videocamere nei posti più colpiti. Le videocamere funzionano 365 giorni all'anno, 24 ore al giorno. Sono collegate ad un videoregistratore che mantiene le registrazioni per un massimo di 100 giorni, come previsto dall'art. 6, cpv. 3, della Legge di polizia comunale, trascorso questo termine, le registrazioni vengono eliminate. Hanno accesso a questi dati solo le persone designate.

Centralina elettrica nell’acquedotto “Caral”
Al Consiglio comunale è stato presentato l’analisi per la realizzazione di una centralina idroelettrica nell’acquedotto comunale “Lavineu” – “Clef”. L'analisi di massima svolta era quella di verificare se la realizzazione di una centralina fosse giustificabile dal punto di vista finanziario, tenendo conto dei contributi all'investimento da parte dell'Ufficio federale dell'energia (UFE) o dei proventi della vendita di elettricità verde. I costi per questo progetto sono stati stimati a ca. CHF 2.88 milioni e la produzione di energia è di 2’600 MWh (ca. come la centralina “Acqui Marsci”).